Castello Melfi

Il castello di Melfi è un monumento della Basilicata di proprietà dello Stato italiano. La sua fondazione risale al periodo normanno e ha subito alcune modifiche nel corso del tempo, soprattutto in epoca angioina e aragonese.

Entrata Castello Melfi

Nel Castello di melfi si tennero cinque concili ecumenici, organizzati da cinque diversi Pontefici tra il 1059 e il 1137. Nell’estate del 1059, papa Niccolò II soggiornò nella rocca fortificata e fu al centro di importanti avvenimenti: in giugno stipulò il trattato di Melfi, poi, dal 3 agosto al 25 agosto celebrò il concilio di Melfi I ed infine con il concordato di Melfi riconobbe i possedimenti conquistati dai Normanni. Il papa nominò Roberto il Guiscardo duca di Puglia e Calabria. La città di Melfi, passava un periodo splendende della storia: in tale circostanza fu promossa a Capitale del Ducato di Puglia e Calabria. Roberto il Guiscardo, per sposare Sichelgaita di Salerno vi mandò in esilio la prima moglie Alberada di Buonalbergo. Il papa Alessandro II dal primo agosto 1067 presiedette il concilio di Melfi II; ricevette il Principe longobardo di Salerno, Gisulfo II, ed i fratelli Roberto il Guiscardo e Ruggero I di Sicilia. Nel corso del concilio di Melfi III, nel 1089, il papa Urbano II indisse la prima crociata in Terra Santa, poi Pasquale II nel 1101 convocò il concilio di Melfi IV ed infine papa Innocenzo II nel 1137 celebrò il concilio di Melfi V, ultimo della serie. Vi fu anche nel 1130 un concilio di Melfi non riconosciuto dalla Chiesa, perché organizzato dall’antipapa Anacleto II, che istituì il regno di Sicilia.

Veduta Castello Melfi

Il Castello è composto da dieci torri di cui sette rettangolari e tre pentagonali: Torre dell’Ingresso; Torre dello Stendardo o dei Cipressi; Torre della Secretaria o Della Terrazza; Torre del Baluardo del Leone; Torre dell’Imperatore o dei Sette Venti; Torre senza nome, restano solo i ruderi; Torre di Nord Est o Torrita Parvula; Torre delle Carceri o di Marcangione; Torre della Chiesa; Torre dell’Orologio.

Lascia un commento